Il Vino per la Vita 2016

Domenica, 28 febbraio 2015 ore 16,00 ASTA VINI BENEFICA

La Delegazione  AIS Varese anche quest'anno vuole essere vicino al Comitato Stefano Verri.

L'associazione di volontariato ONLUS , che si propone di affiancare coloro che operano in aiuto ed allo studio per la cura della leucemia, affinchè possa crescere la qualità della vita dei malati, dei familiari .

Per raccogliere fondi destinati alla ricerca, per il settimo anno consecutivo propone un asta benefica di vini nella prestigiosa Villa Bossi in Bodio Lomnago.


Per noi appassionati di questo mondo, sarà una bella occasione per acquistare all’incanto un vino di vecchia annata, nonché vini di ottima qualità che verranno battuti all’asta.

Non pensate di essere da Christie’s a Londra, ma anzi con pochi soldi potrete fare Grandi affari e nel contempo fare del bene ad una associazione che lavora concretamente per finanziari i ricercatori di questa grave malattia.

La Delegazione di Varese sarà presente con i suoi sommelier , daremo una mano ai battitori dell’asta 

  • Luca Martini (miglior sommelier del mondo 2013)
  • Pierre Ley (critico gastronomico)



Ci vediamo domenica 28 febbraio 2016 alle ore 16, Ingresso Gratuito

Per chi lo volesse nei prossimi giorni sarà disponibile il catalogo dei vini

Per info e dettagli:

fabio.colombo@aislombardia.it
3357357387

comitato.stefanoverri@tin.it


La cacciagione coi vini della Tenuta l’Impostino


Il ristorante Stellato varesino, questa volta ci vuole stupire con la cacciagione ed i vini maremmani           
Giovedi 25 Febbraio alle ore 20,30
MA.RI.NA
Piazza San Gregorio  11 - Olgiate Olona (Va)



In collaborazione con:  A&B Wines distribuzione (VA)
                                                 


 La cacciagione 

coi vini della Tenuta l’Impostino
 Maremma - Montecucco (GR)

La scelta dello chef:
            
Bocconcini di petto d’anatra spadellati al balsamico con purea di patate aromatizzate    
Rosso Montecucco doc 2011 - Impostino
     

Lasagne di pernice e bitto
Pappardelle ripiene di pernice con foie gras
Riserva Sangiovese Montecucco doc 2010 - Viandante
                                                                               

 Petto di fagiano farcito e cosce arrostite al latte con polenta
Bocconcini di capriolo stufato al Sangiovese della Tenuta L’Impostino
Igt Maremma Toscana  Supertuscan 2010 - Lupo Bianco
                                                                               

Spaghetti di castagne con zabaione di cachi e fico caramellato al rum
con gelato al fior di latte
Wìhsila Montepulciano amore di visciola Fattoria Villa Ligi
                                                                             
Caffe’ e coccole
Grappa e amaro

 euro 120


Alla serata sarà presente Patrizia Chiari, titolare dell'azienda
Per prenotazioni:

  •  Claudio 347- 1172181 
  • fabio.colombo@aislombardia.it   

Ma.ri.na Tel. 0331- 640463 - Piazza San Gregorio  11 - Olgiate Olona (Va) 

Verticale Lungarotti Rubesco Torgiano Rosso Riserva


Sabato 13 febbraio 2016 ore 15:00

Verticale Lungarotti Rubesco Torgiano Rosso Riserva


uno dei vini simbolo della Trazione Italiana, 
uno di quei vini che ci portiamo da sempre nel cuore con orgoglio, 
come uno dei simboli della grande enologia italiana.

            Sei annate per una selezione ristretta di intenditori: 

1973 1974 1975 1978 1980 1981 1997 !

Degustazione guidata da Ivano Antonini presso il Blend 4 di Azzate.


Bicchieri in sala.

Prezzo della degustazione 40 Euro per i Soci, 50 non soci AIS

Evento aperto a 10 persone

 Prenotazione VINCOLANTE via mail a: fabio.colombo@aislombardia.it

                        

TRITTICO diVINO



Binomio inususuale per gli amanti del buon bere.....: cinema&vino.

...e tra le nebbie invernali quale atmosfera migliore dei vini di Monferrato e Langa? E che vini! Di altissimo livello: Barbera, Barolo, Nascetta.


TRITTICO diVINO !

3 serate, 3 film e 3 degustazioni in compagnia di Ivano Antonini, travedonese DOC e autorevolissimo sommelier, già pluripremiato a livello nazionale e internazionale…

Ecco la presentazione della prima serata interamente dedicata a Giacomo Bologna, nume tutelare della Barbera, e ai vini di Braida. 

Domenica 31 gennaio alle 17 al Cineteatro “S. Amanzio” di Travedona (Varese) sarà proiettato il cortometraggio della regista Giulia Graglia dal titolo 
“Il Re del Mosto”.
Parteciperanno la produttrice Raffaella Bologna (Braida) e il critico enogastronomico Marco Gatti. 
Alla proiezione seguirà una degustazione con il sommelier Ivano Antonini: 
si partirà con La Monella, il vino delle origini dal 1961, si proseguirà con Montebruna, la Barbera realizzata da Raffaella e Giuseppe, i figli di Giacomo Bologna e si terminerà la serata con la Grappa invecchiata di Bricco dell’Uccellone. Ad accompagnare le degustazioni le Lingue di Suocera e i grissini di Mario Fongo, “Il Paneté” di Rocchetta Tanaro, unitamente a salumi e formaggi locali.

Una lotteria aiuterà la raccolta fondi per l’associazione I CARE. In palio ci saranno un magnum in cassetta di legno di Bricco dell’Uccellone, un magnum in cassetta di legno de La Monella, un magnum in astuccio litografato di Montebruna, un magnum in astuccio ligrafato de Il Bacialè, un dvd del film “Il Re del Mosto”.

L’appuntamento apre il programma di Trittico diVino, minirassegna cinematografica sui vini di Monferrato e Langhe.
Seguiranno le proiezioni “Barolo boys” (domenica 13 marzo, ore 17) e “Nascetta Story” (domenica 10 aprile, ore 17), con la partecipazione dei registi Paolo Casalis e Federico Moznich.

InGRESSO (15 euro) solo su prenotazione riservato ai possessori della tessera "I CARE" 2016 (si può fare all'ingresso al costo di 10 euro) oppure ai possessori della tessera AIS (in regola con l'anno in corso 2016)
Il biglietto d’ingresso consente di partecipare all’estrazione
  • magnum in cassetta di legno di Bricco dell’Uccellone, 
  • magnum in cassetta di legno de La Monella,
  • magnum in astuccio litografato di Montebruna,
  • magnum in astuccio litografato de Il Bacialè, 
  • dvd del film “I l Re del Mosto”. 

A sostegno dei progetti dell’associazione I CARE.

Prenotazione obbligatoria al 331-2072100


--------------------------------------------------------------------------
IL RE DEL MOSTO - La vita e le gesta di Giacomo Bologna, l’uomo che, come disse Veronelli, “non sarebbe mai dovuto morire”. Il famoso produttore piemontese – creatore fra gli altri de La Monella e Il Bricco dell’Uccellone – viene raccontato in parole e musica. Il risultato, come spiega la regista, è un film goliardico, allegro, nostalgico, musicale: un inno al vino, al cibo ma soprattutto alla vita, che va vissuta senza risparmiarsi, circondati da amici, da bottiglie e da canti. Quello che Giacomo Bologna sosteneva è attuale ancora oggi e la sua visione del vino vero, come frutto della terra e dell’amore dei contadini (e non dell’industria), è il messaggio più forte che ha trasmesso. Il ritratto di Giacomo è quello di una leggenda della storia del vino italiano, di un piemontese speciale e pazzo, come dice a un certo punto Bruno Lauzi intervistato nel film: «I piemontesi sono pazzi, sono brasiliani con la nebbia dentro».

GIULIA GRAGLIA:nata a Torino nel 1975. Si è laureata in Storia del Cinema e diplomata in Regia presso la Nuova Università del Cinema e della Televisione a Roma nel 2003. Ha lavorato per un lungo periodo come assistente alla regia e aiuto regista in numerosi film e fiction televisive. Diventata sommelier nel 2007, dall’anno successivo ha deciso di dedicarsi a tempo pieno al mondo dell’enogastronomia, collaborando con testate specialistiche e siti web del settore. È autrice e co-produttrice del documentario Senza Trucco – Le donne del vino naturale (2011, visto a Corto e Fieno) e de Il Re del mosto (2012), dedicato a Giacomo Bologna.

Buone Feste con Ais Varese



Tanti Auguri da Ais Varese
Buon Natale e Buon 2016


Master in vigna 2015 : sintesi di cinque belle giornate


C'è sempre una prima volta... 

la prima volta che si degusta  un grande Champagne, la prima volta che si incontra una sommelier, la prima volta di un "Master in Vigna"!

E' stataLa prima volta per Ais Varese ed anche la prima volta per i quaranta soci che hanno iniziato il loro percorso in un' assolata giornata presso Cascina Ronchetto a Morazzone.


Il progetto del Master aveva inizialmente destato un pò di preoccupazione, uscire dalle sale del Grand Hotel Palace, lasciare la teoria dei corsi  per andare sul campo con forbici e scarponcini poteva essere destabilizzante. L'idea poi di abbinare ai i vini di Varese i prodotti del territorio era qualcosa di veramente nuovo.

Nei fatti, invece, tutto è andato per il meglio; il merito è andato principalmente alle persone che abbiamo incontrato, uomini e donne veramente disponibili ad accoglierci, ad approfondire con dettagli e passione gli argomenti del master, capaci di farci innamorare delle vigne che accudiscono con amore e professionalità.



Naturale quindi ricordare Walter di Cascina Ronchetto, Alessio Fornasetti di Torre San Quirico, Alessandro e Giuliana della Tenuta Tovaglieri, Franco ed Alessandro di Cascina Piano.

Persone che vivono e concepiscono la vigna con sfumature differenti tutte riconducibili però all'amore e al rispetto per la stessa.

Il fatto di aver incontrato quattro produttori varesini è stato per noi fondamentale. Il Master in vigna doveva partire da Varese; quello che ho più volte ripetuto durante le giornate è che il vero Sommelier è quello che conosce  il territorio, in particolare quello dove vive, non importa se non si abbia la fortuna di vivere nelle Langhe o a Montalcino, abbiamo comunque l'onore di avere dei produttori che hanno scommesso e rischiato, che hanno avuto il coraggio di piantare il nebbiolo a Varese.

Tornando ai corsisti, per loro il Master ha rappresentato l'occasione, forse la prima, di parlare approfonditamente davanti a una talea o a degli innesti, l'occasione ideale per comprendere  cosa significhi il Guyot o il metodo Simonit, prima occasione di fare vendemmia!

Penso che a tutti siano piaciuti questi approfondimenti, non ultimo poi il fatto di avere degustato tutti i vini della tenute, alcuni addirittura da botte!


Meritato quindi l'Attestato, con la promessa di continuare questo percorso. Chissà che l'anno 2016 non ci riservi un "Master in Cantina".






Premio Ais Varese V Edizione 2015: Ecco i premiati !!!



Si è svolto domenica 22 novembre 2015, presso L'hotel Villa Porro Pirelli la quinta edizione del Premio AIS Varese,
Il premio nasce nel 2011 in seno alla Delegazione Varesina, dal desiderio di premiare chi ogni giorno conduce la propria attivita’ all’insegna della qualita’, del coraggio e dell’attaccamento al territorio. Il  pomeriggio è  però anche occasione di incontro e riflessione sullo stato dell’associazione e della delegazione.


Per la delegazione di Varese, questo 2015 è stato un anno estremamente dinamico e vitale, ricco di eventi sempre partecipati e sentiti, dal corso haccp agli incontri sul territorio del Master in Vigna, dalle  9 degustazioni tematiche, anche in collaborazione con altre associazioni come  Onaf, a incontri e cene a tema.
 D’obbligo quindi il ringraziamento sentito a tutti coloro che rendono la nostra delegazione viva, presente e in crescita.

Passando al premio, anche quest’anno siamo andati alla ricerca di realtà storiche, radicate nel territorio e nella tradizione, realtà abbastanza definite da essere in grado di fidelizzare il cliente ed essere modello per altre giovani attività, realtà in grado di ritagliarsi nuovi dinamici sbocchi sul  mercato.
Altro importante criterio è sicuramente l’attaccamento al territorio, attaccamento che non si manifesta necessariamente producendo vini dei Ronchi Varesini o proponendo piatti della cucina lombarda, ma soprattutto facendo di Varese  il luogo in cui crescere, svilupparsi, essere riferimento e ottenere risultati concreti e lusinghieri.

La scelta del ristorante  da premiare ,in questa quinta edizione ci porta a Besozzo, patria dell’ OSTERIA DEL SASS, http://www.osteriadelsass.it/home/

ambiente raffinato ma famigliare e confortevole in cui il pluripremiato chef COSTANTINO DI CLAUDIO stupisce per l’eleganza e la cura dei suoi piatti, sempre costruiti attorno a materie prime di innegabile qualità.
Da non dimenticare che Costantino, oltre che ad essere un grande cuoco è anche Sommelier
……………………………

Con la seconda targa abbiamo voluto celebrare  il lungo percorso di professionalità e passione dell’enoteca  BAR FRANCO  
DI Busto Arsizio, vero e proprio riferimento per quanti vogliano essere trasportati e accompagnati nel mondo dei vini e dei distillati sin dal 1953.
motivo d’orgoglio per la delegazione varesina è poi il fatto che Renato Bozzetti, che ha raccolto l’eredità del padre Franco, sia storico socio AIS nonché uno dei primi diplomati sommelier di Provincia.

la terza e ultima targa, quella destinata all’azienda vitivinicola, E’ stata quest’anno consegnata   alla famiglia CALò, proprietaria di ROSA DEL GOLFO,

 nota azienda salentina  con sede commerciale in Albizzate, che quest’anno celebra i 50 anni del suo vino più famoso e rappresentativo, il rosa del golfo appunto.
Ha rititrato il premio Pamela calò
A nome di tutta la delegazione abbiamo fatto i nostri più sentiti complimenti, augurado loro di poter continuare a crescere e innovare all’insegna di qualità e tradizione.

Cosa dire dei vini di Rosa del Golfo: eleganza, freschezza e piacevolezza  nonché ottima rappresentazione di vini del Salento, il suo rosato storico, uno dei più famosi d’Italia, stupisce per la sua bevibilità, morbidezza e freschezza.
Apprezzato anche il Brut Rosè, un vino perfetto per accompagnare una aperitivo al chiaro di luna del mare di Puglia.
Una bella sorpresa anche il Vigna Mazzì, ha lasciato sbalorditi  gli ospiti all’evento; un rosato che , dato il suo affinamento in legno,  risulterà adatto accompagnarci con piatti di struttura .
Siamo così arrivati al secondo momento del nostro pomeriggio insieme, quello pensato  per ringraziare in maniera particolare i nostri soci più longevi.
L’AIS  fonda le sue radici e il suo essere sull’impegno, la passione e la partecipazione dei singoli soci, per  questo è per noi tanto importante, specialmente nel 50esimo anno di ais, riconoscere  e sottolineare la riconoscenza dovuta a coloro che, a vario titolo, sono iscritti all’associazione da 10,20,30 anni attraverso la consegna di attestati di fedeltà.
per  i 10 anni premiamo

Barbini Alessio, De franceschi Valerio, De francschi Laura, Mirata Michele, 








      Per i 20 anni abbiamo:
·        Affronti Rosalia,Bressan Dario ,Corengia Francesca, Forni Marco, Negrini Angelo, Tenti Roberto





tanti complimenti per questi soci storici !!!



La bella serata è terminata al  banco degli assaggi, dove i socio hanno trovato i prodotti del SALUMIFICIO COLOMBO e i tipici AMARETTI di GALLARATE della pasticceria Bianchi accompagnati dall’intera gamma dei vini ROSA DEL GOLFO gentilmente offerti da
Damiano e Pamela e una selezione di vini che i nostri corsisti hanno avuto modo di conoscere nel corso delle loro lezioni.


Grazie a tutti gli intervenuti e un ringraziamento sentito ai premiati che hanno condiviso con noi questo pomeriggio. Un arrivederci alla sesta edizione confidando però di poterci scambiare gli auguri di buone feste l’11 dicembre alla cena di delegazione presso il ristorante Il Vecchio Convento di Varese.

Corso primo livello : Aspirante sommelier 2016


Ecco un bel regalo di Natale: un corso di Aspirante Sommelier

La Delegazione  provinciale di Varese dell’Associazione Italiana Sommelier, organizza presso GRAND HOTEL PALACE di Varese a partire dal 29 gennaio 2016


CORSO DI I° LIVELLO AIS 2016

 “Introduzione alla degustazione, alla vitivinicultura e alle funzioni del sommelier”.

Il corso con  sessione serale, dalle 21:00 alle 23:00 e si svolgerà nei seguenti giorni:

PROGRAMMA CORSO


giovedì 28 gennaio 2016 1 - LA FIGURA DEL SOMMELIER
venerdì 5 febbraio 2016 2 – VITICOLTURA
venerdì 12 febbraio 2016 3 - ENOLOGIA: LA PRODUZIONE DEL VINO
venerdì 19 febbraio 2016 4 - ENOLOGIA: I COMPONENTI E L’EVOLUZIONE DEL VINO
venerdì 26 febbraio 2016 5 - TECNICA DELLA DEGUSTAZIONE:  ESAME VISIVO
venerdì 4 marzo 2016 6 - TECNICA DELLA DEGUSTAZIONE:  ESAME OLFATTIVO
venerdì 11 marzo 2016 7 - TECNICA DELLA DEGUSTAZIONE:  ESAME GUSTO-OLFATTIVO
venerdì 18 marzo 2016 8 - SPUMANTI
venerdì 1 aprile 2016 9 - VINI PASSITI / VENDEMMIA TARDIVA / MUFFATI / ICEWEIN 
venerdì 8 aprile 2016 10- LEGISLAZIONE ED ENOGRAFIA NAZIONALE
venerdì 15 aprile 2016 11- BIRRA E DISTILLATI DA CEREALI
sabato 16 aprile 2016  14 - VISITA A UNA AZIENDA VITIVINICOLA
venerdì 22 aprile 2016 12- ALTRI DISTILLATI 
giovedì 28 aprile 2016 13 LA FUNZIONE DEL SOMMELIER
venerdì 6 maggio 2016 15 - APPROFONDIMENTO E AUTOVALUTAZIONE

COSTO CORSO EURO 550,00 e comprende:

due libri di testo, il quaderno con le schede per l’analisi sensoriale dei vini, valigetta con i bicchieri da degustazione, un cavatappi professionale,  i vini degustati durante le lezioni ed il viaggio studio presso un azienda vinicola (lezione 14).


QUOTA ASSOCIATIVA NAZIONALE anno 2016 obbligatoria 80,00

QUOTA ASSOCIATIVA REGIONALE anno 2016 facoltativa Euro 30,00

PUNTI RACCOLTA ISCRIZIONI ED INFORMATIVI:

Fabio Colombo Delegato AIS VARESE – Gallarate/Gazzada 
335/7357387
PESCHERIA ZAMBERLETTI – Corso Matteotti Varese       0332/280582
ENOTECA CALO’ – Via Gorizia 4, Castiglione Olona            0331/857417



All’atto dell’iscrizione si chiede di versare un acconto di Euro 100,00. Il saldo sarà versato alle prime lezioni del corso in contanti o con assegno bancario o circolare

Non si accettano pagamenti con Bancomat e Carta di Credito

Nord verso sud :i Vini d'Italia si sfidano a cena

La Delegazione Ais di Varese promuove queste simpatica serata presso il ristorante pizzeria di Varese
Lunedì 30 novembre 2015


Cinque portate con in abbinamento 8 vini di cantine prestigione del Nord e del Sud Italia.

I vini  serviti alla cieca, saranno degustate in collaborazione con il sommelier AIS Giovanni Chiodetto ed i presenti eleggeranno il  "Vino della Serata".

Durante l'evento, come da tradizione del ristorante, verranno estratte e regalate ai partecipanti alcune bottiglie in degustazione.

MENU'

Patatine di pizza con calamari del golfo di
Manfredonia e maionese di pomodoro giallo
____
2 spumanti metodo classico 48 mesi sui lieviti

Cheeseburger di pizza al tonno 
con hamburger di tonno,maionese di pomodoro e mozzarella di bufala del Gargano
___
2 vini bianchi di cui uno biodinamico

Pizzaccheri di pizza con impasto di farina semintegrale
e grano saraceno, fondo di patata di Zapponeta
e burrata di Andria
___
2 vini rossi di cui uno biodinamico

Pastiera napoletana di pizza
___

Passito bianco


Sfogliatella di pizza cioccolato e rum
___
Passito rosso

€ 60 con degustazione vini
€ 50 senza degustazione vini
Per info e prenotazioni “La Piedigrotta” Via E.Romagnosi, 9 (VA) - 0332 287983