INTORNO AL VULCANO...AGLIANICO DEL VULTURE



Bruno Ferrari , Sommelier e relatore AIS, ci ha guidato alla scoperta dell'Aglianico del Vulture con la degustazione di sei vini della denominazione principe della Basilicata.
L'Aglianico,  fu portato in italia dai Greci, probabilmente intorno al VII secola a,C. e pare abbia preso il suo nome da "Elleanico" piuttosto che  dalla città di Elea, antica polis Greca.
Il territorio del Vulture prende il nome da un antico vulcano spento ed il suolo è quindi ricco di residui lavici sui quaili nei secoli si sono depositati strati di terreno argilloso ricco di potassio e minerali ferrosi.




Si ottiene così un vino  carico di tannini e sali minerali, con alcolicità elevata e grande attitudine  all'invecchiamento. Tutte caratteristiche che fanno si che venga chiamato, non a caso, "Barolo del Sud", anche se i produttori locali preferiscono chiamarlo semplicemente con il suo nome: aglianico.



Il nostro itinerario intorno al Vulture inizia dal comune di Venosa, con l'Azienda Cantina di Venosa. Il primo vino in degustazione è Terre di Orazio Aglianico del Vulture 2012, affinato per 15 mesi in botti da 25 ettolitri. Nel bicchiere si presenta alla vista con un bel colore rosso porpora tendente al rubino ed al naso note di frutta a bacca rossa come ribes e marasca e sentori di viola, al palato rivela una giusta tannicità e freschezza.
A Rionero del Vulture, invece, incontriamo la Cantina Eubea; degustiamo il "Covo dei Briganti" che prende il nome dalla sede della Cantina, la Torre di Guardia del brigante Carmine Crocco alla fine dell'800.alla vista si presenta di un rosso rubino misto a granato, i profumi ricordano la ciliegia, la marasca e sentori di cacao, tabacco e chicchi di caffè.

Nel comune di Maschito ecco Musto Carmelitano, piccola azienda a conduzione famigliare  che abbraccia in pieno la filosofia dei "vini naturali". Le uve sono raccolte a mano e vengono utilizzati solo lieviti indigeni e la fermentazione avviene a temperatura naturale. Alla vista si nota un rosso rubino imperscrutabile ed al palato si percepisce una piacevole rudezza del tannino e una struttura importante. L'esame olfattivo rileva note di marasca e susina con sentori terziari di spezie, cacao, caffè e tabacco.
Nel comune di Lavello ha sede la cantina Bisceglia di cui degustiamo il Gudarrà Riserva,  aglianico al 100% coltivato su terreni vulcanici, con una macerazione di circa 25 giorni ed un affinamento in carati di rovere francese per almeno 12 mesi. Il vino si presenta rubino con riflessi violacei ed i suoi profumi sono di frutta rossa e nera matura con sfumature di spezie dolci.




In quel di Rionero in Vulture incontriamo le Cantine del Notaio, realtà fondata nel 1998 con il Repertorio dell'annata 2013. Come consigliato dal sito della cantina questo vino ha un periodo ottimale di degustazione che va dai 3 ai 12 anni dalla vendemmia, ed infatti lo troviamo  ancora in evoluzione e già con profumi terziari, oltre alla marasca ed alla susina.
Siamo giunti alla fine di questa serata ed in conclusione degustiamo il Serpara delle Cantina Re Manfredi situata nel comune di Venosa. Vino quasi cupo nel suo rosso rubino ed al naso spezie, cacao, tabacco e caffè, oltre a note di vaniglia e di fiori e frutta a bacca rossa. In bocca sprigiona tutto il suo grado alcolico ed i suoi tannini ingentiliti dall'elevazione in legno.









VINITALY 2019 CON ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER


Cari Soci,
a tutti Voi è riservata una condizione di assoluto privilegio per l’acquisto dei biglietti di ingresso a Vinitaly (7-10 Aprile 2019):

INGRESSO RISERVATO a € 40,00 IVA COMPRESA anziché € 85,00


CLICCATE QUI PER ACCEDERE ALL'AREA RISERVATA, specificando NUMERO DI TESSERA, COGNOMENOMEEMAIL (campi obbligatori). L'inserimento del CODICE FISCALE è facoltativo.

L’acquisto dei Codici Coupon sarà disponibile fino alla mezzanotte del giorno 01/04/2019.

AIS VARESE PRESENTA... L'AGLIANICO DEL VULTURE


AGLIANICO DEL VULTURE un vino potente ed allo stesso tempo elegante e a volte poco conosciuto.

Una serata per renderVi partecipi e far conoscere questo grande Vitigno e grande Vino.
Sei vini raccontati da Bruno Ferrari, tutto questo


Verrà presentato  Venerdì 15 marzo 2019  alle ore 20:45 

presso il Palace Hotel di Varese









Conduce la serata


Bruno Ferrari, emiliano di nascita, si trasferisce a Milano dove si laurea, consegue un Master ed entra nel settore finanziario, nel quale opera attualmente come Manager in ambito Corporate & Investment Banking.
Da sempre grande appassionato di vino - campione, da emiliano doc, nella pratica dell’abbinamento con il cibo -  entra nel mondo AIS all’alba dei 40 anni e consegue il diploma da sommelier nel 2008.
Travolto da folgorante passione prosegue il suo percorso con l’abilitazione e Degustatore Ufficiale e a relatore AIS, collezionando diverse abilitazioni sulle lezioni del secondo livello
Grande conoscitore ed esporto dei territori e della combinazione zona, vitigno, ‘terroir’, collabora con AIS Milano e AIS Lombardia nel progetto didattico delle scuole alberghiere, in servizi ed in eventi nazionali ed internazionali



Vini in degustazione


 Aglianico del Vulture Superiore DOCG 2011 Serpara Azienda Re Manfredi





Aglianico del Vulture DOC 2012 Pian del Moro azienda Musto Carmelitano

Aglianico del Vulture DOC 2012 Gudarrà Azienda Bisceglia




Aglianico del Vulture DOC 2012 Covo Dei Briganti Azienda Eubea
Aglianico del Vulture DOC 2013 Il Repertorio Azienda Cantina del Notaio




Aglianico del Vulture DOC 2012 Terre di Orazio Azienda Cantina di Venosa





Costo della serata

Costo della serata euro 35,00 soci Ais
euro 45,00 non Soci

Per info e prenotazione

SERENA LATTUADA - Delegazione Ais Varese 335/7357387  serena.lattuada@aislombardia.it 

MATTEO TUNISI  matteo.tunisi@aisvarese.it




IL VINO PER LA VITA 2019



Domenica, 24 febbraio 2019 ore 16,00 ASTA VINI BENEFICA



La Delegazione  AIS Varese anche quest'anno vuole essere vicino al Comitato Stefano Verri.

L'associazione di volontariato ONLUS , che si propone di finanziare i ricercatori che operano nello studio per la cura della leucemia.

Per raccogliere fondi destinati alla ricerca, per l'ottavo  anno il Comitato propone un asta benefica di vini nella prestigiosa Villa Bossi in Bodio Lomnago.
Per gli appassionati di questo mondo, sarà una bella occasione per acquistare all’incanto un vino di vecchia annata, nonché vini di ottima qualità che verranno battuti all’asta.







La Delegazione di Varese sarà presente con i suoi sommelier , daremo una mano ai battitori dell’asta 

  • Luca Martini (miglior sommelier del mondo 2013)
  • Pierre Ley (critico gastronomico)




AIS VARESE PRESENTA... IL CHIANTI CLASSICO








Venerdì 01 Marzo 2019 alle ore 20.45 
ripartono le serate degustazione con Ais Varese
Il Chianti Classico, tra le più importanti denominazioni d'Italia, si presenta al 

Palace Grand Hotel Varese, via Manara 11.



Vini in degustazione

Chianti Classico DOCG 2014 Azienda Lamole di Lamole
Chianti Classico DOCG 2015 Tenuta Sant’Alfonso Azienda Rocca delle Macie




Chianti Classico DOCG 2014 Azienda Ormanni
Chianti Classico DOCG Riserva 2013 La Madonina azienda Tenuta la Madonina
Chianti Classico DOCG Riserva 2012 Agostino Petri Azienda Castello Vicchiomaggio




Chianti Classico DOCG 2014 Azienda Poggio Scalette









Il relatore


Alberto Catelani, nasce a Firenze.
La sua famiglia fa vin de garage dagli anni '70, quando ancora non era di moda.
Ingegnere per necessità, si trasferisce a Milano.
Beve da sempre, dovunque si trovi nel mondo. Da diversi anni parla con cognizione di causa dei vini della sua terra.





Prezzo per la serata:
35€ soci AIS - 45€ non soci AIS

Per info e prenotazioni:
Serena.lattuada@aislombardia.it
Matteo.tunisi@aisvarese.it

Bicchieri in sala


RINNOVA LA TUA ISCRIZIONE AD ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER

È iniziata la campagna di rinnovo delle iscrizioni all'Associazione Italiana Sommelier per il 2019.
Tra i molteplici vantaggi ci sarà l'invio della Guida Vini 2020 e della rivista trimestrale VITAE, realizzate interamente al nostro interno e rinnovate nella grafica e nei contenuti.
Inoltre per i propri Soci Ais Lombardia organizza eventi e degustazioni completamente gratuiti, oltre a spedire la Guida Viniplus 2020 e la omonima rivista semestrale.

I Soci AIS potranno inoltre accedere, a condizioni di assoluto privilegio, al prossimo Vinitaly dal 7 al 10 aprile 2019 e a tutti gli eventi e le degustazioni che l'Associazione Italiana Sommelier organizzerà sul territorio nazionale attraverso le Associazioni territoriali e all'estero con i Club AIS. Vivranno con noi da protagonisti la Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell'Olio 2019.
L'opportunità maggiore sarà quella di poter condividere, con oltre 39.000 colleghi, una comune passione, uno stile di vita e l'orgoglio di appartenenza all'Associazione Italiana Sommelier, la più grande e qualificata organizzazione del vino nel mondo.

È possibile rinnovare la quota scegliendo una delle seguenti modalità di pagamento:
Bollettino pre compilato inviato per posta;
Visitare la pagina Internet Rinnovi Online e seguire le istruzioni per effettuare il pagamento tramite Carta di Credito (escluso Diners Card e American Express)
Bonifico bancario presso "Banca Prossima – Gruppo Intesa San Paolo" – P.za Paolo Ferrari 10 – 20121 Milano intestato ad "Associazione Italiana Sommelier"

IBAN: IT 61 X 03359 01600 100000070370 (aggiungere per versamenti dall'estero codice SWIFT: BCITITMX) – Indicare nella causale "Quota associativa 2019"
C/c postale n. 58623208 intestato ad "Associazione Italiana Sommelier Viale Monza 9, 20125 Milano" – Indicare nella causale "Quota associativa 2019"
Bonifico presso "Banco Posta" intestato ad "Associazione Italiana Sommelier"
IBAN: IT 83 K 07601 01600 000058623208 (aggiungere per versamenti dall'estero codice SWIFT: BPPIITRRXXX) – Indicare nella causale "Quota associativa 2019"
La quota associativa è di 80 euro.
Il rinnovo dell'iscrizione entro e non oltre il termine previsto (28 febbraio 2019) darà diritto al voto in Assemblea e nelle elezioni per il rinnovo degli organi sociali nazionali e regionali.

RINNOVA LA TUA FIDUCIA. L'UNIONE FA L'AIS. 

PER I SOCI NON RESIDENTI IN ITALIA
È POSSIBILE EFFETTUARE
IL PAGAMENTO SOLO CON BONIFICO BANCARIO
CON COMMISSIONI A PROPRIO CARICO 

Per ulteriori informazioni visita il sito www.aisitalia.it

I VINI DAL GIURASSICO... LO JURA SECONDO INVERNIZZI






Nello Jura vengono riconosciute sei zone a denominazione controllata (A.O.C):
Arbois, deriva dal Celtico, "ar" e "bos"  che significa "terra fertile". E' stata la prima AOC francese nel 1936, dove prevale la produzione di vini rossi; Château-Chalon: produce esclusivamente vino giallo, vin jaune, dall'unico vitigno Savagnin con affinamento sotto il velo dei lieviti in botti scolme; Crémant du Jura: vini bianchi metodo classico e rosé con la possibilità di impiegare vitigni locali in sostituzione di Pinot Noir e Pinot Gris; Côtes du Jura: denominazione che consente di produrre vini di tutte le tipologie; L'Étoile: prende il nome dalle cinque colline che la compongono e dai resti fossili di stelle fossili, pentacrini ; Macvin du Jura: vino fortificato, una mistella, che proviene da mosto di vendemmia tardiva di uve Savagnin





La caratteristica che accomuna la varie zone produttive di questa regione è la composizione del terreno, di incredibile complessità geologica. Le terre appartengono per la maggior parte all'era Giurassica, 150 milioni di anni fa, e la roccia che predomina è permeabile e molto friabile, quindi favorevole alla coltivazione della vite.



I sei vini degustati, sotto la magistrale presentazione di Guido Invernizzi, sono una panoramica di questa regione, attraverso la produzione di Domaine de la Pinte. Con una scelta coraggiosa nel 1999, questa Azienda si è convertita all'agricoltura biologica, ed è stato l'inizio di un percorso che l'ha portata ad ottenere la certificazione di Produttore Biodinamico, dal greco "bios" vita e "dynamis" energia.


Di seguito i Vini in Degustazione:

Cremant du jura Domaine de la Pinte 

Melon a queue rouge 2011 Domaine de la Pinte

Savagnin 2007 Domaine de la Pinte

Poulsard “L’Amì Karl”2010 Domaine de la Pinte

En Barberon 2015 Benedict & Stephane Tissot 

Vin Jaune 2005 Domaine de la Pinte





Dei vini in degustazione una menzione particolare merita il Cremant de Jura, un metodo classico da uve Chardonnay, Pinot Nero e Savagnin con permanenza sui lieviti per 36 mesi e remuage rigorosamente manuale. Nel bicchiere si presenta con bollicine finissime e sentori floreali e fruttati.

Molto particolare anche il Pinot Nero "en Barberon" annata 2015. Al naso si presenta con sentori terziari complessi ed al palato si distinguono i tannini ricavati da vinificazione delle uve, circa il 60%, con i loro raspi.

Chicca finale della serata il Vin Jaune ottenuto da uve Savagnin allevate su terreno di marne blu del Lias. Particolare la maturazione, invecchiamento per 6 anni e 3 mesi in botti da 228 litri sotto un velo di "flor" senza essere mai travasato o rabboccato. Particolare la sua bottiglia, chiamata Clavelin da 62 cl. pari a ciò che resta di un litro iniziale di questo vino dopo la sua maturazione.


CORSO DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE PER SOMMELIER 1° LIVELLO 2019

La formazione del sommelier. Le tecniche di servizio. La degustazione

Riportiamo di seguito le date e le informazioni relative al corso di qualificazione professionale per sommelier di 1° livello che partirà giovedì 31 gennaio 2019.
Per conoscere in modo più dettagliato i contenuti di ogni lezione potete consultare il programma del corso di primo livello.


Varese
dal 31 Gennaio 2019 al 28 Marzo 2019
Varese, Palace Grand Hotel, via Luciano Manara 11
Costo del corso € 550,00 + € 80,00 di iscrizione ad A.I.S. Nazionale
Orari
dalle 20:45 alle 23:00



JURA: L'ALTRA FRANCIA DEL VINO


AIS VARESE
VENERDI' 14 DICEMBRE 2018
ORE 20:45
PRESSO PALACE GRAND HOTEL VARESE
CONDUTTORE DELLA SERATA
GUIDO INVERNIZZI

ORGANIZZA











Per la prima volta si parlerà di Jura a Varese, una piccola regione ma che con i suoi vitigni sa emozionare!
Sei i vini da scoprire, al Palace Grand Hotel Varese. 
Il nostro caro Guido Invernizzi guiderà la degustazione.
Quando? venerdi 14 dicembre 2018 alle ore 20.45, una serata, di quelle belle.


Prezzo per la serata:  
EURO 35,00  soci AIS 
EURO 45,00 non soci AIS



Di seguito i Vini in Degustazione:

Cremant du jura Domaine de la Pinte 

Melon a queue rouge 2011 Domaine de la Pinte

Savagnin 2007 Domaine de la Pinte

Poulsard “L’Amì Karl”2010 Domaine de la Pinte

Trousseau 2012 Domaine Rolet 

Vin Jaune 2005 Domaine de la Pinte




-
Degusteremo i vini di Domaine de la Pinte, Azienda nata nel 1955 e situata sulle marne blue di Lias, che produce i sui vini con metodo biologico dal 1999, con evoluzione al Biodinamico dal 2009.

Sarà l'ultima degustazione del 2018, perciò vi aspettiamo numerosi per chiudere in bellezza!
AIS Varese


Per info & prenotazione:
serena.lattuada@aislombardia.it
teob90@live.it